Diseguaglianze oggi: incontro con Pier Giorgio Ardeni

di Nicola Pedrazzi

«Una distribuzione di ricchezze può essere diseguale ma non per questo iniqua. Ovvero, se tutti ricevono esattamente lo stesso reddito (una società egalitaria), non è detto che ciò sia equo (c’è chi lavora di più e chi di meno, chi ha studiato di più e chi meno, etc.): qualcuno sarà insoddisfatto. Una società egalitaria può persino essere ingiusta e parziale. E viceversa: una distribuzione diseguale può essere equa e giusta (se, ad es. tutti ricevono un reddito commisurato al loro sforzo e qualifica).»

Disuguaglianze eque e uguaglianze inique, mobilità sociale come indice di uguaglianza delle opportunità, tendenze storiche e prospettive politiche circa la sfida contro le disuguaglianze: di questo e di molto altro si è discusso venerdì sera con Pier Giorgio Ardeni, docente di Economia dello Sviluppo presso l’Università di Bologna e presidente dell’Istituto di ricerca Carlo Cattaneo. Un incontro che è partito dalla definizione del termine disuguaglianza, ne ha analizzato il fenomeno su scala Italiana ed Europea, ed ha toccato il tema delle politiche con cui è possibile cercare di governare il fenomeno. Ai curiosi che non sono riusciti a partecipare lasciamo le slides proiettate durante la lezione dialogante tenuta dal Prof. Ardeni… con la promessa che non smetteremo di approfondire!

 

Diseguaglianze_Ardeni

Diseguaglianze_Ardeni2

Diseguaglianze_Ardeni3

Diseguaglianze_Ardeni4

 

Leggi le slides completePier Giorgio Ardeni: Diseguaglianze oggi

Condividi:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Iscriviti alla newsletter

* campi obbligatori