Anno di nascita:

1995

 

Studi:

Servizio Sociale presso la facoltà di Scienze Politiche a Bologna.

 

Il passo di un libro che rappresenta me stesso e la mia candidatura:

“Mia madre diceva sempre che mia sorella Satsu era come il legno: radicata nel terreno come un albero Sakura. Ma a me diceva che ero come l’acqua. L’acqua si scava la strada anche attraverso la pietra e, quando è intrappolata, l’acqua si crea un nuovo varco”. (Memoirs of a Geisha, Arthur Golden)

“Anche se il timore avrà sempre più argomenti, tu scegli la speranza”. (Seneca)

 

Il progetto a cui vorrei lavorare e la parola chiave a cui fa riferimento:

Pane, Condivisione e Buone scarpe.

 

Un luogo della città per me particolarmente significativo:

Il Parco dei Cedri.

 

Quali sono le principali risorse/opportunità di questa città?

Capitale sociale; multiculturalità; turismo; teatri; studenti e università; spazi aperti e spazi verdi come luoghi di bellezza, aggregazione e scambio; convivenza tra generazioni; bellezza e storia.

 

Come vedi la città tra cinque anni:

Tra cinque anni vedo una città più sociale, più attenta alle esigenze delle persone ed efficace nel rispondere ai loro bisogni. Immagino una città più Smart, concreta, allegra e vissuta. Sarà una città più verde ed ecologica, l’aspetto estetico sarà curato maggiormente sia nel centro storico, sia nelle periferie e verranno rilanciati i luoghi culturalmente rappresentativi.

 

Perché mi candido?

Mi candido perché la politica è una passione che ha sempre fatto parte della mia vita e che ho avuto la fortuna di poter condividere inizialmente con la mia famiglia, successivamente con i miei amici.
Vedo la politica come impegno concreto e propositivo, interesse, passione, attenzione ai bisogni, ascolto, ma anche scambio, divertimento, amicizia e ideali.
Ho deciso di impegnarmi in prima persona per conoscere in profondità il territorio e tutto ciò che ad esso è connesso. Vorrei mettermi in gioco per poter dare un contributo nei miei ambiti di competenza, per poter imparare e crescere a livello personale attraverso lo scambio di idee e informazioni sia con i colleghi, sia con le persone che rappresenterò.
Mi piacerebbe poter dimostrare in prima persona che è necessario cambiare modalità d’azione trasformando le attività in un momento di scambio propositivo, non in un inconcludente e perenne scontro. Infine mi candido per cercare di avvicinare anche le fasce più giovani all’amministrazione, nel tentativo di aiutarle a capire che la politica non è qualcosa di lontano ed astratto, al contrario è parte attiva della vita di tutti.

 

Facebook
https://www.facebook.com/gio.resca

 

Twitter
https://twitter.com/Gio_33_

 

Instagram
https://www.instagram.com/giorgiaresca/

Condividi:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone