Anno di nascita:

1947

 

Lavoro:

scrivo libri su e per la scuola.

 

Il passo di un libro che rappresenta me stesso e la mia candidatura:

“Sulle dispense stava scritto un dettaglio che alla prima lettura mi era sfuggito, e cioè che il così tenero e delicato zinco, così arrendevole davanti agli acidi, che se ne fanno un solo boccone, si comporta invece in modo assai diverso quando è molto puro: allora resiste ostinatamente all’attacco. Se ne potevano trarre due conseguenze filosofiche tra loro contrastanti: l’elogio della purezza, che protegge dal male come un usbergo; l’elogio dell’impurezza, che dà adito ai mutamenti, cioè alla vita. Scartai la prima, disgustosamente moralistica, e mi attardai a considerare la seconda, che mi era più congeniale. Perché la ruota giri, perché la vita viva, ci vogliono le impurezze, e le impurezze delle impurezze: anche nel terreno, come è noto, se ha da essere fertile. Ci vuole il dissenso, il diverso, il grano di sale e di senape: il fascismo non li vuole, li vieta, e per questo tu non sei fascista; vuole tutti uguali e tu non sei uguale. Ma neppure la virtù immacolata esiste, o se esiste è detestabile. Prendi dunque la soluzione di solfato di rame che è nel reagentario, aggiungine una goccia al tuo acido solforico, e vedi che la reazione si avvia: lo zinco si risveglia, si ricopre di una bianca pelliccia di bollicine d’idrogeno, ci siamo, l’incantesimo è avvenuto, lo puoi abbandonare al suo destino e fare quattro passi per il laboratorio a vedere che c’è di nuovo e cosa fanno gli altri”.
(Primo Levi, Il sistema periodico, in Opere, Einaudi, Torino, 1987, pp. 458-459).

 

Il progetto a cui vorrei lavorare e la parola chiave a cui fa riferimento:

Condivisione.

 

Quali sono le principali risorse/opportunità di questa città

La mescolanza di provenienze e di culture.

 

Come vedi la città tra cinque anni

Più accogliente, più laica, più curiosa.

 

Perché ti candidi?

Perché stimo Amelia e il suo lavoro, e mi piace l’idea di poter dare una mano.

Condividi:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone