Anno di nascita:

1985

 

Lavoro:

Impiegata presso Teorema srl della CGIL di Imola .

 

Il passo di un libro che rappresenta me stesso e la mia candidatura:

“La libertà è uno dei doni più preziosi dal cielo concesso agli uomini: i tesori tutti che si trovano in terra o che stanno ricoperti dal mare non le si possono agguagliare: e per la libertà, come per l’onore, si può avventurare la vita, quando per lo contrario la schiavitù è il peggior male che possa arrivare agli uomini”.
(Miguel de Cervantes, Don Chisciotte della Mancia)

 

Il progetto a cui vorrei lavorare e la parola chiave a cui fa riferimento:

Bilancio.

 

Un luogo della città per me particolarmente significativo:

Palazzo Malvezzi.

 

Quali sono le principali risorse/opportunità di questa città?

L’Università, la cucina e la ricchezza culturale.

 

Come vedo la città tra cinque anni:

Sicura, multietnica, meno inquinata, ricca di cultura.

 

Perché mi candido?

Mi candido perché sento il bisogno di partecipare alla crescita di una città per me così importante, sento attraverso le mie esperienze il dovere di dar voce alle donne in politica e credo che lavorare insieme per il bene comune sia l’unico modo per migliorare la nostra società e le nostre singole vite.

Condividi:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone